Mistico e maestro spirituale, animo ribelle e irriverente, Osho (1931-1990) si scagliò contro tutte le religioni organizzate, le tradizioni e i sistemi di pensiero dominanti. Oratore formidabile, forte di un'erudizione sterminata, spronò l'uomo a infrangere le proprie gabbie mentali per vivere in totale pienezza, gioia e comunione col Tutto celebrando l’amore, la risata, la libertà, la giocosità e una pura consapevolezza, in estatica sintonia col palpito divino dell'universo.

 

                                                            ~ § ~

 

 «La fede non è affatto una virtù, né è un contributo all'evoluzione del genere umano. La fede è il più grande ostacolo mai creato per le persone che vogliano mettersi alla ricerca del vero. Prima ancora di aver ricercato, viene data una fede di seconda mano e viene detto che questo è sufficiente: "non occorre ricercare, Gesù l'ha fatto per te, Buddha l'ha fatto per te…" la fede non è altro che un nascondere l'ignoranza, ed è qualcosa molto a buon mercato. La verità richiede parecchia energia, un impegno radicale, assoluto, e un coinvolgimento totale nella ricerca. E la verità si trova dentro di te, la fede giunge dall'esterno. Ricorda: qualsiasi cosa ti arrivi dall'esterno, non ti aiuterà. La verità è già viva dentro di te, non ti occorre fede alcuna. È la fede che ha mantenuto il genere umano nell'ignoranza.

 

Il Cristianesimo e tutte le altre religioni sono elementi parte di un'unica cospirazione tesa a castrare il genere umano. Esse hanno distrutto la dignità dell'uomo, riempiendovi solo di senso di colpa, facendovi sentire peccatori. Ecco perché definisco il Cristianesimo il veleno più mortale. E' tempo di liberarsi dal cristianesimo e da tutte le altre presunte religioni, che altro non sono se non versioni diverse della stessa stupidità. L’uomo ha bisogno di assoluta libertà dal passato. Solo così potrà vivere responsabilmente nel momento, e solo allora potrà creare un futuro nuovo per l'umanità a venire.»

 OSHO

Mai Nato

Mai Morto

Ha Solo Visitato

Questo Pianeta Terra

Dall'11 dicembre 1931 al 19 gennaio 1990